Come aumentare il consumo di suolo dicendo di ridurlo

L’applicazione della legge regionale 31 per la riduzione del consumo di suolo potrebbe dar luogo, al contrario, a una rilevante cementificazione. Le preoccupazioni già espresse dalle associazioni ambientaliste, come Salviamo il Paesaggio, trovano un’inquietante conferma nel testo della delibera con cui il consiglio provinciale di Cremona ha presentato le Osservazioni al Pino territoriale regionale, allineandosi alle altre province lombarde.

Per il 2025 il territorio provinciale avrà un fabbisogno di un milione e ottocentomila metri quadrati di terreno edificato, di fronte ai nove milioni previsti dall’insieme dei Pgt oggi, cioè dalla pianificazione approvata negli ultimi anni da tutti i Comuni. Non è rimasto isolato il caso di Soncino, che ha previsto un’espansione rilevante e un incremento demografico del 30%. Mediamente ogni Comune ha previsto un’espansione edilizia tripla rispetto al necessario e la legge regionale che doveva riequilibrare un impatto ambientale eccezionale sta entrando in vigore solo ora, con due anni di ritardo. Anche l’amministrazione provinciale cerca di porre un freno, osservando che le aree destinate a nuove abitazioni dovrebbero essere ridotte, in alcuni contesti, del 100% se non più, e altrove del 45%. Il peggio però è che lo stop ai cantieri sarà dato solo nelle zone esterne al territorio urbano consolidato, ma non nelle aree interne ai centri abitati, col risultato che l’imponente cementificazione programmata negli anni scorsi dai Comuni lombardi e cremonesi si troverà confermata, se la pianificazione regionale non subirà una decisa inversione di tendenza.
Toccherà d’ora in poi a ogni singolo Comune rivedere i piani e cancellare aree edificabili per ripristinare la destinazione agricola o a verde. La Regione Lombardia, però, esclude dal calcolo del consumo di suolo sia gli insediamenti agricoli che le nuove infrastrutture, quando le sole autostrade Cremona Mantova e Tibre, in provincia, asfalterebbero ben tre milioni di metri quadrati di superficie verde. Il dato totale del consumo di suolo, dunque, secondo le osservazioni della Provincia, come anche di Eupolis e di molti ambientalisti, appare inficiato da artifici contabili che danno il via libera ai cantieri anziché favorire con la massima priorità ristrutturazioni, recupero di aree degradate e rigenerazione. E’ ancora l’ente Provincia a far notare che il suolo occupato dal cemento e dall’asfalto richiede precise garanzie per la sicurezza idrogeologica. Non solo: mancano dati precisi sull’invenduto immobiliare. La pianificazione regionale dunque avanza senza disporre di conoscenze adeguate e propone curiose contraddizioni. L’indicazione iniziale dell’amministrazione provinciale – cioè un taglio del consumo di suolo del 25% – ha un valore orientativo, che poi dovrà concretizzarsi nei due ambiti cremasco e cremonese e ancor prima nella pianificazione intercomunale. Il cammino appena iniziato, inoltre, è complicato anche perché i dati della Regione non sono aggiornati o sono errati: il Pirellone non sa che su alcune aree i Comuni hanno previsto di costruire, mentre in altri casi spariscono dalle carte corsi d’acqua e zone agricole, oppure il verde appare dove non c’è. Le mappe vanno aggiornate, nel raffronto fra dati regionali e locali, a Casalmorano, Pizzighettone, Sergnano, Palazzo Pignano, Capergnanica e tanti altri Comuni. Agli enti locali mancano poi i programmi informatici adatti a monitorare il consumo di suolo: il software Simon è inadatto, dunque si procede a vista su uno dei temi più importanti, sui quale è in corso la raccolta di firme di una petizione che chiede al Comune di Cremona di programmare un consumo zero, facendosi così esempio. Grazie alla legge regionale, dunque, stando alle osservazioni dell’amministrazione provinciale, i casi di via Flaminia a Cremona saranno frequenti e pienamente legittimati dalle norme.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...