All’ex Snum un discount, non un oratorio

Il Comune di Brescia, guidato dal Pd, ha scelto di ridurre le previsioni urbanistiche, esponendosi così ad alcuni ricorsi al Tar. La giunta Galimberti invece potrebbe soltanto ridurre l’impatto del piano d’intervento, su proprietà privata, che consentirebbe alla Conad di costruire un discount ristrutturando l’ex Snum, sede della società municipale per la nettezza urbana. Era proprietà comunale ma venne venduta negli anni del sindaco Corada. Allora il parroco di Sant’Imerio auspicava un unico oratorio per tre parrocchio. Oggi Lucia Lanfredi (M5s) avrebbe preferito che aprisse nell’ex Snum una sala da ballo, un punto di ritrovo per i giovani. Nulla da fare: sorgerà, assieme a un parcheggio e alcune abitazioni, probabilmente un discount: la concorrenza fra supermercati a Cremona così potrebbe farsi feroce.

CREMONA Sorgerà ancora un nuovo supermercato a Cremona, stavolta nell’ex Snum di porta Mòsa, proprio vicino alle antiche mura, su un’area un tempo comunale, che sembrava destinata a divenir parcheggio, per dare respiro al traffico in centro, e invece è stata venduta, durante l’ondata di privatizzazioni di beni pubblici che ha colpito anche le amministrazioni comunali. https://youtu.be/wlw6IKll6Us
La giunta Galimberti ha iniziato a considerare anche questa possibilità. La profezia dell’architetto De Crecchio così si sta avverando: il Piano di governo del territorio non ha posto limiti alla realizzazione di medie strutture di vendita e l’effetto delle direttive europee si vedrà in via Massarotti, a poche centinaia di metri dalla Coop di via del Sale e dal Penny. Un altro supermercato è in costruzione in via Bergamo, nell’ex Colombera, altra proposta ancora era arrivata in Comune nei paraggi di San Sigismondo, vicino alle nuove abitazioni che sorgeranno in via Flaminia. Si moltiplicano i nuovi supermercati, anni dopo la realizzazione del centro commerciale Cremona Po, e dopo l’insediamento del Rossetto lungo la tangenziale, contemporaneamente alle sofferenze dei negozi di vicinato. A Porta Mosa non si insedierà solo un’iniziativa commerciale ma anche residenziale, compreso un parcheggio. Non mancano le preoccupazioni del comitato di quartiere di via Giordano e via Cadore, che in questo periodo cerca un confronto col Comune per trovare soluzioni che spostino il traffico e sente parlare di un nuovo supermercato che potrà aumentare ulteriormente il flusso di 22mila veicoli al giorno. Se da sinistra De Crecchio non risparmia una nota critica alle recenti amministrazioni, uno dei suoi successore, l’ex assessore Federico Fasani del Nuovo centrodestra, tiene viva l’idea della strada Sud, che con un chilometro d’asfalto avrebbe decongestionato finalmente via Giordano. Ipotesi che fa inorridire l’ambientalista grillina Lucia Lanfredi, considerato il pressing degli enti locali per far costruire la Cremona Mantova: infrastrutture costose che non aiutano per nulla rilanciare l’economia e intaccano l’ambiente, quando sarebbe il caso di recuperare le aree dismesse creando ad esempio punti di ritrovo interessanti per i giovani, facendo in modo poi di dare slancio alle piccole imprese, più che ai grandi gruppi commerciali, con la possibilità che fra qualche anno qualcuno dovrà chiudere per eccesso di concorrenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...