Pesticidi in agricoltura, allarme per la salute

Bisogna tenere il fiato sul collo degli amministratori pubblici, perché vigilino e facciano tutto il possibile, dato che persino i Comuni potrebbero essere indotti a usare pesticidi nella manutenzione del verde, anche nei giardini delle scuole materne, pur di risparmiare. L’invito iniziale del sindaco di Vescovato Maria Grazia Bonfante ha ricevuto ampli consensi dal pubblico dell’auditorium di via Marchi, dove due esperti, Carlo Modonesi, biologo dell’università di Parma, e il tossicologo degli inquinanti Federico Balestreri, entrambi dell’Isde, hanno spiegato quali sono i pericoli connessi all’uso dei pesticidi e del glisofato. Nelle stesse ore è arrivata la notizia del rinnovato divieto di usarli da parte dell’Unione europea.  L’agricoltura innanzitutto è sotto esame, ovunque, dalla periferia di Cremona a tutto il territorio, visto che poi l’uso delle sostanze nocive risulta frequentemente nelle acque della Lombardia più che in altre regioni, come ha dimostrato la ricerca dell’istituto Ispra. Tra il pubblico di ieri sera c’erano anche agricoltori che hanno confermato il desiderio di usare sostanze e tecniche ben più sicure: l’Italia ha ancora una normativa severa, che potrebbe però essere gravemente indebolita se sarà approvato il Ttip. I pesticidi sono responsabili, secondo gli studi epidemiologici, di gravi malattie, come quelle tumorali, che possono colpire specialmente i bambini e i neonati vittime di malformazioni. I pericoli peggiori riguardano la riduzione della fertilità e soprattutto il sistema endocrino e l’apparato riproduttivo. L’elenco dei danni è preoccupante: molte specie animali, vegetali e sopratutto di insetti sono in estinzione ben più rapida di quanto accadrebbe senza l’intervento delle multinazionali della chimica. Otto compagnie, nel mondo, controllano il 75% dei pesticidi, condizionando la qualità dell’alimentazione e riducendo gravemente la biodiversità dei territori.

http://www.telecolor.net

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...