Pontiggia (Pd): “Il rancore del M5S si trasforma in odio verso i cremonesi”

 

Proteste che fanno paura, quelle dei cinque stelle che hanno chiesto alla Regione, con un’interpellanza firmata Iolanda Nanni, di revocare il finanziamento europeo per pagare i lavori del sottopasso ferroviario di via Brescia. Sparirebbero così dal bilancio del Comune tutti gli 11 milioni di euro inizialmente previsti, ormai ridotti a sei.

Secondo Francesca Pontiggia, del Pd, presidente della commissione viabilità, questo è odio verso i cittadini cremonesi, che si troverebbero costretti a subire un pesante taglio di servizi, odio che nasce dal rancore verso la politica. La polemica contro il sottopasso inaugurato l’anno scorso dal sindaco Gianluca Galimberti sale continuamente di livello, ma il progetto risale a diversi anni fa, quando il sindaco non era nemmeno Oreste Perri, bensì Gian Carlo Corada. Era stata proprio l’amministrazione Perri, tuttavia, a stabilire l’altezza del sottopasso, la pendenza e la viabilità, inizialmente a doppio senso di marcia e oggi a senso unico con una pista ciclabile. Il Comune oggi rischia di essere preso in trappola: Pontiggia si appella all’assessore regionale Alessandro Sorte, di Forza Italia, vicino alle vedute della precedente giunta comunale, per ricordare che i canali sotterranei, che si trovano nel sottosuolo di via Brescia, hanno impedito di modificare il progetto, e che l’attuale amministrazione ha cambiato la viabilità per tutelare la sicurezza dei cittadini. L’obiettivo del Comune, come anche delle Ferrovie di Stato e della Regione, era migliorare la viabilità ferroviaria e stradale, eliminando un passaggio a livello che causava lunghe attese per i ritardi dei treni merci. Pesante il contrattacco di Francesca Pontiggia, che fa notare che l’azione politica, anche mediante critiche e polemiche, dovrebbe mirare all’interesse generale, non a recare danno al bilancio del Comune. Se Cremona fosse stata amministrata dai cinque stelle, quindi, secondo la presidente della commissione ambiente forse sarebbero stati spesi milioni di euro per spostare anche i canali sotterranei, oppure il passaggio a livello sarebbe ancora al suo posto, malgrado una serie interminabile di proteste, e la viabilità, a doppio senso di marcia in un sottopasso alto 3 metri e venti centimetri, sarebbe pericolosa per i cittadini.

http://www.telecolor.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...