Canile, la giunta risponde: “Il percorso è ancora in atto”

Lascio summo cum gaudio ai “veri giornalisti”, cioè agli eroi del dissenso contro il Comune, il compito di trovare qualcosa di negativo nel comunicato diffuso dall’amministrazione comunale di Cremona. Per me è chiaro che qualcuno ha esagerato, dato che è stata fatta una gara e il canile non è trasferito a Brescia. Resto in ogni caso freddo in argomento, purtroppo non abbastanza, vista la stagione. I cani che ho conosciuto personalmente negli ultimi anni, tengo a sottolinearlo, abbaiavano con una certa energia – e nel caso di Luna di Fiesco anche con qualche talento musicale – ma non facevano politica. Segue il comunicato nella sua fragrante integrità.
Nuova gestione del canile, percorso ancora in atto

La Giunta: ‘Per la prima volta gara pubblica. Trasparenza e oggettività’

“Sul canile, struttura di proprietà del Comune di Cremona e gestita da dieci anni attraverso affidamento diretto con un costo per il Comune e quindi per la collettività di 153.000 euro all’anno, anche alla luce delle criticità delle gestioni pregresse e dei procedimenti giudiziari tutt’ora in corso, l’Amministrazione ha scelto per la prima volta la strada dell’affidamento attraverso una procedura di evidenza  pubblica. Continuiamo a lavorare in questa direzione”. Con questo commento la Giunta comunale ha preso atto, nella seduta odierna, del percorso attuato sino ad oggi in merito alla procedura di gara per l’affidamento della gestione del canile di Cremona e ha ribadito l’indirizzo sempre perseguito caratterizzato da oggettività e trasparenza.

Al bando pubblico di gara, aperto il 4 maggio scorso dal Comune di Cremona per la gestione della struttura, ha risposto un solo soggetto, la Clinica del Cane San Francesco di Brescia. Come previsto dalla normativa, gli uffici hanno provveduto a verificare le dichiarazioni rese dall’unico partecipante alla gara, in particolare la disponibilità di una struttura, in questo caso ubicata a Brescia, adeguata all’espletamento del servizio richiesto.

Con nota trasmessa martedì 18 luglio, l’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia, interpellata sul tema dal Comune di Cremona, ha dichiarato che l’impianto di Brescia è autorizzato come struttura polifunzionale per canile rifugio e pensione, ma non come canile sanitario, elemento richiesto dal bando. Il Comune di Cremona ha quindi inviato alla Clinica del Cane San Francesco una comunicazione di avvio del procedimento volto alla non aggiudicazione. Il soggetto ora può formulare eventuali osservazioni entro e non oltre le ore 12 di venerdì 22 luglio.

In attesa del completamento dell’iter, la posizione dell’Amministrazione comunale è chiara: “Voltare pagina, andando verso una nuova modalità di gestione che garantisca al tempo stesso massima trasparenza e l’offerta di nuovi servizi che favoriscano i percorsi di adozione”.

Dopo il 22 luglio, l’Amministrazione comunale valuterà, sempre all’insegna della massima trasparenza, le conseguenti azioni, fermo restando che l’attuale gestione del canile è stata prorogata fino al mese di settembre.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...