E Crema inventa anche il salva-scuole

Non che la capogruppo del Pd Teresa Caso possa essere inserita nella lista nera dei fanatici del finanziamento pubblico delle scuole paritarie. Caso, caso mai, ha chiaramente sostenuto d’essere d’accordo che la Costituzione va rispettata, che le scuole pubbliche devono esserci e vanno sostenute non sostituite, però “adesso, qui, ora che cosa dobbiamo fare? Vogliamo che tutti i bambini frequentino la scuola materna anche dove la scuola pubblica non c’è per una scelta non certo nostra”, ed ecco un bell’aumento comunale di contributi alle paritarie, cinque in tutto a Crema, alcune delle quali in crisi economica, una in particolare. In tre quartieri periferici della vivace e brillante città di Crema non ci sono istituti pubblici, solo paritarie. https://youtu.be/g_iBAKFnEJA

La frequenza scolastica precoce, dalla materna in poi, meglio ancora a partire dall’asilo, previene l’abbandono scolastico e migliora le probabilità di successo dei futuri studenti, come risulta da pesanti statistiche nazionali: la scelta del Comune di Crema non va bollata a priori e infatti Rifondazione si è solo astenuta, non ha votato contro. Continuando però a decidere che fare qui e ora, se lasciare che scuole intere rischino di chiudere, il risultato è la conservazione dell’esistente: lo Stato non sembra potersi permettere di realizzare nuove scuole pubbliche e il contribuente paga. Rifondazione doveva ricordare che esiste un principio e ha lasciato il segno.

 

 

“Voi volete impedire che i bambini di tre anni vadano alla scuola materna?” E’ l’attacco della capogruppo del Pd Teresa Caso contro Rifondazione comunista ieri nel consiglio comunale di Crema, che ha approvato la nuova convenzione, con la quale il Comune ha accresciuto il contributo pubblico alle scuole paritarie, arrivando da 880 a 910 euro per ciascuno dei 400 bambini che le frequentano, con un’aggiunta di 4mila euro per le scuole di periferia che presentano difficoltà di bilancio. Una in particolare, quella di San Bernardino, rischierebbe anche la chiusura. Altre due scuole materne sono periferiche, a Ombriano e Santa Maria, dove non c’è altra scuola, due istituti invece si trovano in centro. Lo scontro tra Pd e Rifondazione si è fatto dunque ancora più aspro, dopo il dissenso dell’estrema sinistra a tutte le forme di privatizzazione decise dal centrosinistra. La capogruppo Lucia Piloni, di Rifondazione, ha espresso voto astenuto, unica manifestazione di dissenso in un consiglio comunale unanime. Astensione che dipende dall’adesione al principio costituzionale che dà alla scuola pubblica il compito di garantire l’insegnamento a tutti, anche a chi non ha risorse.

in un periodo storico di grave crisi il fiume di denaro pubblico riversato dallo Stato, dalle Regioni e dai Comuni nelle scuole paritarie – si parla di circa 700 milioni di euro in Italia – coincide con le difficoltà degli istituti pubblici, mentre le rette a carico delle famiglie restano alte. La libertà dei privati dovrebbe essere garantita senza oneri per lo Stato. Di fatto questo sarebbe un intervento per salvare istituti di proprietà privata, un salva scuole cremasco. Il sindaco Stefania Bonaldi ha insistito sugli investimenti compiuti: ci sono infatti due sezioni in più nella città di Crema, grazie all’ufficio scolastico provinciale. Se mancano scuole pubbliche in alcune zone, ha insistito il Pd, la responsabilità è più nazionale che locale. Dal centrodestra sono piovute critiche, da parte di Simone Beretta, poiché il Comune avrebbe cercato di imporre rette sociali ai privati. L’assessore Attilio Galmozzi ha chiarito che non c’è stata imposizione. Alle prossime elezioni, il centrosinistra potrebbe presentarsi senza un alleato che ha ottenuto due consiglieri comunali su venti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...