Scuola Trento Trieste, il pericolo non c’è

La mancanza di un progetto rappresentativo e radicato nella realtà socio-economica e nella vita delle persone fa sì che la lotta politica perda significato e si concretizzi in una semplice critica di una serie di singole scelte. Il caso della scuola Trento Trieste diventa emblematico: l’amianto c’è e si trova nella copertura di eternit dello spogliatoio, che però non è a contatto con l’ambiente frequentato dagli alunni. Lo sostiene il dirigente Carletti, descrivendo minuziosamente la struttura. La bonifica avverrà a scuola chiusa.

 

 

L’amianto è sempre pericoloso, anche se compatto, in quanto c’è sempre aerodispersione e non c’è una soglia minima di rischio. Lo precisa l’Ona, Osservatorio nazionale amianto, chiarendo di battersi contro ogni forma di esposizione, in un intervento del presidente nazionale Ezio Bonanni, dedicato alla scuola primaria Trento Trieste, per contrastare l’affermazione dell’assessore Andrea Virgilio, che ha sostenuto invece che non c’è alcun rischio per gli alunni. Il Comune ha invece ribadito ieri sul sito del sindaco Gianluca Galimberti che non c’è alcun pericolo per gli alunni. La relazione del dirigente del settore Patrimonio Ruggero Carletti spiega che l’eternit si trova sul tetto dello spogliatoio, che è sì forato, però a causa di un urto accidentale, non per il degrado. Va quindi escluso che possano essersi diffuse fibre contenenti amianto nello spogliatoio, dato che ci sono due strutture fra l’eternit e l’ambiente frequentato dagli alunni. Le due strutture sono il solaio piano in latero-cemento intonacato, verso lo spogliatoio, e il sottomanto in tavellonato continuo di laterizio  che sostiene le lastre stesse all’esterno. Quindi non c’è amianto in circolazione, tuttavia per precauzione, come chiarisce Carletti, la bonifica sarà effettuata di sabato a scuola chiusa. Era questa la richiesta dell’Osservatorio nazionale amianto di Cremona, con un intervento di Ivano Bonoldi, oltre che della dirigente nazionale Antonella Franchi e del coordinatore cittadino Danilo Dilda. Il sindaco ha insistito nel sostegno all’assessore Virgilio e nel sottolineare che il Comune ha programmato ed eseguito le bonifiche, monitorando le scuole e facendo i lavori a proprie spese. Il contributo ministeriale per la primaria Trento Trieste arriverà probabilmente a dicembre, quando l’amministrazione avrà già provveduto entro ottobre. L’Ona ricorda che ci sono ben 2.400 scuole in Italia con amianto e che i casi censiti di mesotelioma tra personale docente e non docente sono 75.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...