Depuratore guasto, Duranti: “Il sindaco mente”

Il sindaco Gianluigi Bernardi ha mentito: questo l’attacco del consigliere comunale d’opposizione Enrico Duranti, che ha scelto di procedere per vie legali, per un chiarimento su un guasto del depuratore di Sergnano, l’inquinamento conseguente e la risposta del sindaco a un’interrogazione dello stesso consigliere, considerata deludente e coscientemente fuorviante.

I fatti risalgono al periodo tra marzo e aprile di quest’anno, quando numerosi cittadini si lamentano per gli aspri odori emessi dal depuratore di Sergnano. Negli stessi giorni, le acque della riserva naturale Palata del Menasciutto vengono inondate da schiume insolitamente resistenti, come avessero contenuto sostanze chimiche. I solleciti rivolti al Comune non ricevono risposta, quindi Duranti fa una segnalazione ai carabinieri per le schiume e un’interrogazione al sindaco sulla situazione del depuratore. Contemporaneamente anche a Pianengo viene chiesto da alcuni abitanti un intervento, viste le schiume all’interno della riserva naturale. Le analisi vengono consegnate da un cittadino a Enrico Duranti, che poi, confrontando le relazioni dell’Arpa e di Padania Acque con la risposta del sindaco Gianluigi Bernardi, trae una conclusione: il sindaco non dice la verità. Precisamente il sindaco sostiene che l’8 aprile il responsabile dell’ufficio tecnico gli ha riferito di aver verificato il normale funzionamento del depuratore, che ha richiesto alcuni miglioramenti. Inoltre Bernardi riferisce che in seguito a ulteriori controlli di Padania Acque e dell’Arpa sono state rilevate alcune difformità. Duranti rileva alcune contraddizioni. Dopo aver constatato il “normale funzionamento” dell’impianto, lo stesso sindaco riferisce che sono stati eseguiti prelievi e controlli. Poi il sopralluogo e la relazione dell’Arpa, conseguenti all’esposto presentato ai Carabinieri dallo stesso Duranti, mettono in chiaro che le acque sono state inquinate. L’Arpa ha riscontrato un guasto al circuito di riciclo dei fanghi biologici, che ha peggiorato la qualità dello scarico che viene immesso nel fiume Serio. Vengono quindi prelevati campioni d’acqua e fatto un monitoraggio, da cui risulta, in tre casi, che alcune soglie vengono superate negativamente. Il depuratore di Sergnano era guasto dal 3 marzo ed è circolata acqua inquinata. I campioni d’acque reflue prelevati vicino ad alcuni allevamenti non rientravano nei parametri previsti per l’ossigeno, l’ammoniaca e il fosforo totale. Già il 3 marzo veniva segnalato lo scarico anomalo. Duranti conclude che il sindaco “sapeva tutto e ha taciuto. Per lui, come sempre, tutto è normale. Per noi del Movimento 3.0 non è nulla normale”. Da parte propria Padania Acque rimedia realizzando il collettore fognario Sergnano-Pianengo, che sostituisce il vecchio depuratore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...