Pm 10, il Comune in allerta spera nella pioggia

L’inquinamento, per quanto multiforme e variegato, è l’elemento fondante del benessere e quindi la sua produzione viene protetta, anzi diventa merce pregiata, come dimostrano i progetti di stoccaggi di CO2. Inquinando con impianti industriali imponenti la natura viene soggiogata e trasformata in energia, che serve a far funzionare fabbriche capaci di costruire una sorta di “mondo secondo”, artificiale, civilizzato, in cui la natura dà fastidio e anche la salute è un elemento di disturbo. Anche a Cremona il benessere economico – nell’agricoltura industrializzata come nelle industrie pesanti – ha le stesse caratteristiche che ha assunto dall’evoluzione dell’era industriale, circa un secolo fa, e anzi prosegue la sua marcia verso ulteriori trasformazioni, mentre l’aria pulita è un allegro slogan. Non restano che polveri.

smog

Cremona – Oggi per il sesto giorno consecutivo le polveri sottili
cancerogene pm10 sono salite sopra la soglia d’allerta, a quota 60,
oltre il limite di 50 parti per milione, e il Comune è in stato di
pre-allerta. I giorni di sforamento, quest’anno, sono 28. Se le
polveri resteranno sopra il dato di 50 per otto giorni, cioè domenica,
scatteranno le prime limitazioni per il traffico. Per ora la
raccomandazione è usare i mezzi pubblici o la bicicletta anziché
l’automobile e non eccedere nel riscaldamento. La principale speranza
è che domani piova, secondo le previsioni meteo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...