Sottopasso di via Brescia, meno traffico e più spese

CREMONA Il Comune diffonde i dati del monitoraggio sul transito di veicoli nel comparto di San Bernardo e canta vittoria per la viabilità che, a giudizio dell’assessore alla viabilità Alessia Manfredini (Pd), “funziona” grazie alla riduzione del traffico, e intanto incassa un’altra critica: certo che funziona in quella zona, semplicemente perché dal sottopasso di via Brescia non si passa, il passaggio è limitato ai veicoli piccoli e bassi e alle bici. il-corrimano-nel-sottopasso-di-via-brescia1

Il traffico, chiosa il consigliere dei 5 stelle Maria Lucia Lanfredi, si è spostato, e chi attraversa il sottopasso corre anche un rischio, perché non c’è spazio nemmeno per i vigili del fuoco e le ambulanze. Gli automobilisti se possono evitano la nuova infrastruttura, e si ritrovano così ad affrontare una tortuosa gimcana. Il peggio però è che per la fine del mese la Regione potrebbe restituire dal Comune parte del finanziamento, oltre mezzo milione di euro che ricadranno sul bilancio e quindi sui contribuenti. Il decreto di saldo è arrivato, con la firma del dirigente regionale Marco Cassin. Agostino Alloni (Pd), poi, ha accusato il Pirellone di incoerenza perché punisce il Comune per aver inserito una pista ciclabile nel sottopasso proprio negli stessi giorni in cui lo premia per quattro nuove piste ciclabili volute anche dai Comuni del circondario. La viabilità, fra rotatorie e sensi unici, comunque non è più la stessa e le lamentele sono frequenti, fra lettere dei cittadini e polemiche in consiglio comunale, anche a causa dell’imponente spesa pubblica, una decina di milioni in tempo di crisi. Delusione anche da parte del rinnovato comitato di quartiere. Il monitoraggio intanto ha confermato che i carichi di traffico locale sono diminuiti: nel 2016, nel tratto tra via Endertà e via Brescia, dove è stata attivata la viabilità definitiva dal 10 ottobre, sono passati 4.061 veicoli, cioè il 14% meno del 2015 e il 46% meno di due anni fa. Alessia Manfredini da parte propria ricorda che erano stati i residenti, anni fa, a chiedere meno traffico, quando c’era il passaggio a livello. E’ rimasto insomma il traffico locale, chi viene da Brescia passa altrove, compresi camion e furgoni. Per chi si inoltra nel sottopasso a piedi, infine, il Comune ha collocato un corrimano d’acciaio zincato. Ma per non pochi cremonesi era meglio prima: meglio lasciare il progetto com’era, a due sensi di marcia e senza pista ciclabile, evitando quindi di dover restituire alla Regione mezzo milione di euro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...