Autorevolezza di un Comune

Sergnano ospita nientemeno che uno stoccaggio di metano, attività industriale di notevole rilievo, eppure la maggioranza che guida il consiglio comunale di Sergnano va in difficoltà su una una convenzione con il Gruppo sportivo oratorio. In assenza di specifiche competenze scientifiche, è difficile prendere una posizione netta sulle mozioni di Enrico Duranti, moviemento 3.0, ma sugli indirizzi politici e i metodi ci si può pronunciare. Dovrebbe però essere il Comune, dotatosi delle conoscenze necessarie, a distanza di alcuni anni, a dare una risposta  ai dubbi e alle preoccupazioni sostenute dal consigliere comunale espresso dai No Gasaran e vicino al M5S, che sul tema della sicurezza incontra anche il sostegno di Mauro Giroletti e del Pd, l’altra minoranza. Il Comune partecipa alle riunioni in Prefettura, al Ctr (Comitato tecnico regionale), è coinvolto in momenti decisionali importanti, eppure, come giovedì sera, dà risposte schematiche o evasive quando si parla di ambiente, salute e sicurezza. Questo Comune, da quel che si sa, non prende iniziative per conoscere nel miglior modo possibile quali sono i reali rischi che corrono o non corrono gli abitanti. La pubblica amministrazione merita invece un ruolo autorevole e di primo piano in ogni settore, perché la vita quotidiana di una comunità non sia turbata da incontrollate incertezze. Sergnano dovrebbe diventare un punto di riferimento prezioso per un vasto territorio, dato che la politica energetica nazionale passa proprio per alcuni piccoli centri abitati, chiamati quindi a crescere.

 

 

SERGNANO CR Sorpresa giovedì sera nel consiglio comunale di Sergnano, quando la maggioranza di centrodestra ha proposto l’approvazione di una convenzione con il Gruppo sportivo oratorio, prevedendo una spesa indeterminata, che contemplerà inoltre i costi di eventuali consulenze professionali esterne. La convenzione è di fatto un assegno in bianco, come hanno notato Enrico Duranti del Movimento 3.0 e il capogruppo del Pd Mauro Giroletti, e vale fino al 31 dicembre di quest’anno, dunque solo due settimane. Il sindaco Gianluigi Bernardi ha spiegato che la particolarità dipende dal ritardo del Gruppo sportivo che a giovedì sera non aveva ancora presentato alcun programma in Comune. L’amministrazione da parte propria ha voluto ratificare in ogni caso la convenzione, richiamandosi alla Corte dei conti: non si possono dare contributi senza un’adeguata giustificazione del consiglio comunale. Dunque, per assurdo, il Comune potrebbe versare un contributo enorme, dato che il documento è rimasto in bianco. Di fatto il sindaco Bernardi ha assicurato che si tratterà di poche migliaia di euro. Il Partito democratico, indignato, è uscito dall’aula con i suoi tre consiglieri – Mauro Giroletti, Michela Pionna e Luca Secchi – invece Enrico Duranti è rimasto al suo posto e ha votato no mettendo in rilievo le contraddizioni: di fatto il Comune ha privatizzato il settore ludico e sportivo, dopo aver costruito la palestra con i soldi delle compensazioni ambientali dello stoccaggio di metano. Il Pd ha dichiarato di non voler essere strumentalizzato e di non opporsi, così come Duranti, al Gruppo sportivo oratorio, ma solo a una scelta sbagliata della maggioranza. Pochi anni fa, infatti, si era parlato di spese pazze a Sergnano: allora il Comune aveva negato una sede ai No Gasaran, confluiti nel movimento 3.0, quando i contributi alle associazioni erano versati  in alcuni casi senza una convenzione. Il sindaco ha comunque garantito che il bilancio non corre alcun rischio. Problemi per la verità non mancano: venuti meno due contributi della Stogit, l’amministrazione ha dovuto in ogni caso sostenere una maggiore spesa sociale. Si fa sentire il sostegno al ricovero di alcuni cittadini in strutture protette, tanto che alcuni settori del Comune andranno in sofferenza. Il Comune spera quindi di incassare l’anno prossimo il contributo della Stogit per l’uso del suolo. Le mozioni di Duranti riguardanti lo stoccaggio di metano sono state respinte dalla maggioranza, trovando invece sostegno da parte dell’altra minoranza, il gruppo del Pd, d’accordo sulla necessità di dare più trasparenza e sicurezza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...