Cimitero, commissione vigilanza contro inciviltà e degrado

CREMONA Per la conquista del decoro e della pulizia dei cimiteri il Comune, dopo le proteste dei cittadini per i comportamenti incivili di alcuni frequentatori e la manutenzione carente, ha ingaggiato una lunga battaglia, che culmina nell’istituzione di un’apposita commissione di vigilanza, decisa stamattina dalla giunta Galimberti, per garantire più decoro ai cimiteri, sia al monumentale che nelle frazioni.

Gli atti dell’amministrazione parlano da soli: il 9 novembre il settore lavori pubblici stanzia 22mila euro, con urgenza, tanto più dopo le lamentele seguite alle ricorrenze dei Santi e dei Morti, per installare telecamere di videosorveglianza presso il polo della cremazione, dove sono stati sistemati parcheggio e giardino, e collocare reti antipiccione nella Crociera di levante. L’isola della differenziata che era in via dei Cipressi è stata appunto tolta e sostituita dal parcheggio. Ogni giorno, in poche ore, il guano lascia infatti tracce dannose e antigieniche al cimitero monumentale, problema ancora irrisolto da anni. Una settimana dopo, il 17 novembre, la Manutenzione fa collocare un dissuasore automatico a scomparsa Pilomat all’ingresso, per regolare l’accesso dei veicoli. Il 22 novembre, sempre sollecitata dalle segnalazioni degli utenti, che rischiano di cadere, la Manutenzione decide di far collocare dei parapetti agli ingressi degli androni delle Crociere di levante e di ponente, dove si sono creati dei dislivelli. A ogni pioggia consistente le falde vicine alle superficie allagano alcune parti del camposanto: anche dopo un intervento di qualche anno fa il fenomeno si ripete. E ci sono ragnatele diffuse, vetri sporchi di ascensori, lavabi in cattive condizioni. E’ un crescendo: il 25 novembre, la Manutenzione interviene ancora con altri 10mila euro per disinfestare e pulire con urgenza la Crociera di levante, soprattutto i corridoi, dal guano di piccione: alle finestre del sottotetto vengono installate altre reti per evitare che i volatili entrino. Nel multipiano, il cosiddetto grattacielo dei loculi, è stato necessario anche puntellare le pareti. I cittadini segnalano anche l’erba alta: non si usano più infatti i diserbanti chimici, ormai vietati ai Comuni. L’assessore Rosita Viola ha ingaggiato una battaglia tra le più difficili: la sensibilità dei cremonesi è fortissima, ma ci sono anche tombe trascurate da tempo, che potrebbero essere espropriate dall’amministrazione. Si farà inoltre la gara per il consolidamento statico del corpo A dei chiostri, per 125mila euro. Da parte delle minoranze, in particolare Luigi Amore, è stato notato da tempo che il Polo della cremazione aiuta il bilancio, e si può aggiungere quindi che l’attaccamento dei cittadini è tanto più giustificato. Della commissione di vigilanza fanno parte, con Viola, Saba Rivaroli, Rosangela Locatelli, Marco Pagliarini e Salvatore Tuorto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...