Disservizi in periferia, stipendi alla giunta

CREMONA Anno nuovo vita vecchia, con questioni che si trascinano da anni, come le lamentele dei quartieri periferici, a partire dalla frazione Cavatigozzi. Il cosiddetto semaforo intelligente è andato in tilt da alcuni giorni, mentre nella zona dell’oratorio l’illuminazione pubblica è impazzita: era sempre accesa a San Silvestro, per poi spegnersi del tutto in black-out la notte scorsa, come se si fossero scaricate le pile.

Il comitato di quartiere presieduto da Daniele Ardigò ha segnalato venerdì il problema e ancora attende una risposta. Di notte il semaforo non ha funzionato: la strada e fortunatamente illuminata dai lampioni. In centro storico invece la luce del sole ha illuminato impietosamente lo stato di degrado del centro storico, segnalato da tempo dai cittadini. Una macchina pulitrice infatti stamattina è stata messa in azione per ripulire i muri esterni della scuola Capra Plasio, sporca e imbrattata dalle scritte, che tuttavia ancora popolano i muri della via Plasio e di altre strade del centro. In altri casi, come in via Aselli, il Comune si è avvalso dell’aiuto degli alpini, mentre per togliere diversi quintali di mozziconi di sigarette dalle strade e dai marciapiedi l’aiuto è arrivato da alcune scolaresche. Un residente di via Platina, stanco delle cattive sorprese trovate sull’uscio di casa, stamattina ha esposto un cartello per invitare il proprietario di un cane incontinente a recarsi nelle aree per cani. Cattivi comportamenti a iosa, come di chi lascia bottiglie vuote sui davanzali delle finestre, ma c’è chi si preoccupa anche per le crepe dell’intonaco, ad esempio dell’ex genio civile, vicino al tribunale. Il decoro del centro storico e la manutenzione della città è diventata molto complicata, e sono argomento di proteste e segnalazioni. Ci sono persone senza tetto che di notte, in via Sacchi, dormono nel giardino della scuola o nel giardino posteriore alla chiesa, trasformato in una piccola discarica dai passanti, malgrado l’impegno del sacerdote nel tener pulito. Piccole e grandi questioni che tormentano i cremonesi, come la serie nera di negozi chiusi in corso Garibaldi, ancora non terminata. Il 2017 si apre anche con l’incarico professionale a Giada Bruschi presso l’Informagiovani, con nuove iniziative per fronteggiare l’emergenza della disoccupazione giovanile. Il servizio si sposterà all’interno di palazzo Affaitati, che verrà prossimamente restaurato con una spesa di 800mila euro. Un’altra certezza, comunque, riguarda le indennità di funzione, cioè gli stipendi, del sindaco e della giunta: confermate e messe al sicuro con il primo atto del nuovo anno, per 315mila lordi annui, invariati da due anni e mezzo. Già stanziati anche i soldi dei gettoni di presenza dei consiglieri e del presidente del consiglio comunale: 120mila euro l’anno, secondo il numero di riunioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...