Bordolano, centrale del gas autorizzata senza il monitoraggio sismico disposto da Regione e ministero; protesta Ezio Corradi

 

Il ministero dello sviluppo economico ha autorizzato la Stogit all’esercizio degli impianti della centrale del gas: il Comune lo ha saputo il 22 dicembre, ma l’ha pubblicato solo il 3 gennaio con una nota sul sito web dell’amministrazione, senza convocare il consiglio comunale. Sono gli impianti della centrale di trattamento e compressione idrocarburi, gli impianti a diretto servizio dei pozzi perforati in cluster A, del sistema antincendi dei tre cabinati turbocompressori e dei pannelli fotovoltaici.

bordolano

E la struttura che dovrebbe pubblicare in continuo i dati del monitoraggio sismico disposti dalla Regione sulla base delle linee guida del ministero dell’ambiente non è affatto nota. Del monitoraggio sismico non si sa ancora nulla, anche se è obbligatorio per legge. Ezio Corradi, del Coordinamento comitati ambientalisti, protesta perché ha chiesto informazioni da tempo al sindaco Davide Brena e non ha ricevuto risposta. Anzi. La versione di Corradi indica una contraddizione: “Abbiamo chiesto al sindaco – sostiene Corradi – a fine dicembre 2016 la documentazione dalla quale risulta che non esiste sismicità indotta da parte dello stoccaggio di Bordolano. Non ho ricevuto alcuna risposta”. Nello stesso periodo il sindaco ha saputo dell’autorizzazione definitiva dal ministero, dopo l’autorizzazione integrata ambientale che l’ente Provincia ha concesso alla Stogit. Giorni drammatici, segnati da altri sismi per motivi naturali nell’Italia centrale “e noi qui ci esponiamo ai rischi senza il monitoraggio previsto dal ministero e dalla Regione: è grave”. Il decreto ministeriale del 15 maggio 2014 n. 14.583 e il provvedimento direttoriale n. 18.804 dell’8 agosto 2013 autorizzano la Stogit a causare sismi fino a una potenza di 3.0. Dei rischi connessi all’attività dello stoccaggio si sa da anni ma non si interviene.

Ancora non si sa se la centrale sia entrata in azione, probabilmente no. Di certo non si sa nulla del modo in cui sarà effettuato il monitoraggio sismico.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...