La Polizia non meritava questo

CREMONA La Questura di Cremona paga un affitto privato imponente  – si parla di due milioni di euro l’anno – al proprietario, la banca Bnp Paribas, come riferisce il sindacato dei lavoratori di polizia Silp della Cgil di Cremona. L’edificio di via dei Tribunali oltretutto è storico, deve rispettare vincoli architettonici, e non è adatto alle esigenze della polizia. Affitto elevato, da un milione l’anno, a carico anche dei carabinieri di Crema. Se si aggiunge la carenza di organico di 80 persone, fra Questura e commissariato di Crema, segnalata sempre dal Silp, non mancano affatto i motivi per una discussione partecipata, prima che venga approvato il decreto legislativo sul riordino dei ruoli e delle funzioni delle forze di polizia e delle forze armate. Le amministrazioni interessate dal riordino delle carriere sono cinque: carabinieri, guardia di finanza, polizia di stato, polizia penitenziaria e forze armate.

Il Silp Cgil ha chiesto un confronto inviando una lettera ai parlamentari del territorio – Luciano Pizzetti e Cinzia Fontana del Pd, Danilo Toninelli dei 5 stelle – per proporre modifiche alla proposta del ministero degli Interni. L’obiettivo è superare il disallineamento tra i corpi dello Stato, a vantaggio però dei cittadini, ma anche offrire sicurezza ai cittadini con un impiego più razionale delle risorse economiche, dato che il governo sta impegnando un miliardo di euro in due anni.  C’è carenza di personale, come spiega il segretario provinciale del Silp Guido Ettari, anche perché la polizia di stato bandisce pochi concorsi, una tantum: un altro effetto è l’età media elevata, 47 anni. Gli scalini economici sono lunghi e le procedure lente: il Silp chiede di modificarle, in modo che i poliziotti, oltre che più numerosi, siano più efficienti, motivati e preparati. Una soluzione logistica, per le sedi delle forze dell’ordine cremonesi, è la caserma Manfredini, di proprietà demaniale, che il Comune sta cercando di acquisire per farne la cittadella della sicurezza. A Crema, per il commissariato, il confronto con il sindaco Stefania Bonaldi non ha ancora dato risultati positivi, malgrado il tribunale dismesso. Gli argomenti sollevati dal Silp sono di primo piano, come la richiesta di due volanti a Cremona per turno, non solo una e a volte due. Sinora il consiglio di Stato ha approvato la riforma progettata dal ministero degli Interni, rilevando però alcuni aspetti critici alla cui soluzione il Silp, unico sindacato ad aver presentato una sua proposta, intende contribuire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...