Provincia dimenticata non riesce a chiudere il bilancio

CREMONA Entro il 30 giugno l’amministrazione provinciale avrebbe dovuto approvare il bilancio previsionale del 2017 ma è stato impossibile. Il presidente Davide Viola ha dovuto deliberare, invece, la presa d’atto del deficit di tre milioni e 44mila euro. E’ sbilancio, insomma, crisi conclamata. L’ente di corso Vittorio Emanuele II ha utilizzato tutte le risorse messe a disposizione dal Parlamento e ha inoltre applicato al previsionale di quest’anno un avanzo d’amministrazione di un milione e 700mila euro, senza però poter chiudere i conti in pareggio: l’equilibrio finanziario non è possibile, come dimostra la relazione tecnica del coordinatore del settore risorse economiche e finanziarie Massimo Placchi. Anche il documento di programmazione triennale viene rinviato: la Provincia procede senza programmazione. E’ iniziata un’ulteriore fase di navigazione al buio, perché dopo il referendum del 4 dicembre scorso Governo e Parlamento non hanno più voluto sostenere l’amministrazione, che si trova in condizioni simili alle altre Province italiane, che complessivamente presentano uno sbilancio di 650 milioni. Sono comunque “fatti salvi gli impegni e i pagamenti di spese, come spiega la delibera del presidente Viola, che risultano neutre per il bilancio in quanto completamente finanziate con entrate vincolate”. Il presidente Viola, chiedendo allo Stato di intervenire, ha sottolineato che occorrerebbe una struttura più leggera (i dipendenti sono oggi 304, dal futuro incerto) e una funzione politica diversa.
Per nella massima incertezza, proseguono anche i lavori di ristrutturazione sul ponte “Giuseppe Verdi” di San Daniele Po. Sono stati sostituiti 118 giunti su 130 in appena 40 giorni, lavorando anche nei giorni dell’ondata di calore, con la manodopera impegnata nelle ore notturne. L’amministrazione cremonese attende che che la Provincia di Parma comunichi quando e come verrà riaperto il ponte. Per i sindaci del territorio si tratta solo di una prima fase dei lavori di ristrutturazione, che richiedono finanziamenti e tempi più lunghi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...