Rumore delle strade, inizia il monitoraggio acustico

CREMONA Il Comune di Cremona è stato sollecitato dagli uffici regionali a mettersi in regola con il decreto legislativo 194 del 2005 “rumore delle strade”, che a propria volta applica una direttiva europea, la 2002/49/CE. Cremona dopo 12 anni inizia dunque un percorso di adempimento, dando incarico allo studio di acustica De Polzer di Milano di mettere sotto esame, alla prova dei decibel, tutte le strade cittadine su cui transitano almeno 3 milioni di veicoli l’anno, overo 8.200 al giorno. Sono strade e assi viari rilevanti, come la tangenziale, che arriva a 40mila al giorno, via Giordano, 20mila, ma anche viale Trento Trieste e tutte le vie più battute. Il vecchio piano di zonizzazione acustica è in vigore e suddivide la città in sei aree, da quelle esclusivamente industriali, dove i decibel possono arrivare a 70 in media, a quelle particolarmente protette, come ospedali, case di riposo e scuole, con un limite di 50 decibel di giorno e 40 di notte. L’incarico professionale da 26.779 euro lordi allo studio De Polzer, conferito dal dirigente Marco Pagliarini per un atto dovuto, doterà l’amministrazione di una verifica della zonizzazione acustica entro una fascia di 250 metri per lato di ciascuna delle strade esaminate, un’analisi dei flussi di traffico e di una stima della popolazione esposta. Sarà eseguito un monitoraggio di 24 ore su 24 con strumentazione automatica collocata in cinque punti strategici da concordare con il Comune, per battere uno degli ospiti più sgraditi dai cittadini: l’inquinamento acustico, il rumore dei veicoli che minaccia la salute e i nervi degli abitanti. Lo studio milanese avrà 45 giorni di tempo per eseguire il monitoraggio e consegnare al Comune un prezioso documento d’analisi. Nel 2006 l’amministrazione ha in realtà proceduto a una revisione del piano di zonizzazione acustica al dichiarato scopo di “proteggere i cittadini”, ora occorre un approfondimento specifico sulle strade. Il decreto legislativo del 2005, all’articolo 4, prevede piani d’azione specifici per tutelare i cittadini, nel caso in cui l’inquinamento acustico risulti superiore ai parametri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...