Poste, le raccomandate lasciano via San Bernardo: la Cisl boccia il progetto

CREMONA A partire da domani le Poste attivano un nuovo progetto per la consegna delle raccomandate inesitate, cioè non ritirate dal destinatario. Chi non sarà presente all’arrivo del portalettere, non dovrà più recarsi nella sede di via San Bernardo 47 H bensì nell’ufficio postale considerato “di prossimità”. E da questo punto secondo Pietro Triolo Cisl iniziano i guai. Non è sempre chiaro infatti qual è l’ufficio postale più vicino, per i residenti di Cremona, dato che non poche sedi si trovano in centro o a ridosso del centro, senza equa distribuzione sul territorio. Inoltre chi era assente al momento della consegna della raccomandata, dell’assicurata o degli atti giudiziari – posta dunque di importanza particolare – dovrà fare i conti con le ferie del personale, le chiusure estive e i turni pomeridiani. La razionalizzazione è già partita tuttavia il progetto è stato calato dall’alto, senza alcun confronto con i rappresentanti sindacali, che temono disservizi per i cittadini, al punto da bloccare il progetto a Crema e Casalmaggiore, dove le chiusure estive degli uffici avrebbero costretto i destinatari a ritirare le inesitate quattro giorni dopo, poiché sta ancora continuando il recapito della corrispondenza a giorni alterni. E’ il secondo cambiamento per la distribuzione delle raccomandate inesitate, che per un lungo periodo sono state ritirate dai cremonesi in via Verdi, poi dal 30 dicembre 2013 hanno cambiato sede, per evitare i problemi della zona a traffico limitato e scoprire invece i disagi del caos, per il gran traffico riversatosi nella piccola via nei paraggi del cimitero. Risolte le complicazioni, ora si cambia di nuovo, col rischio che manchino spazi adeguati negli uffici, che il personale non sia stato formato e non sia sufficiente e si creino attese più lunghe. C’è un inconveniente in più per chi non usa abitualmente le tecnologie più avanzate. Infatti chi andrà a ritirare la raccomandata nell’ufficio sbagliato, poiché abita a metà strada fra due sedi, si troverà a usare il codice a barre su apparecchio che mostrerà con una scritta luminosa l’indirizzo dell’ufficio postale in cui si trova la raccomandata non recapitata. Ancora una volta, secondo Pietro Triolo, le Poste presuppongono una familiarità con la tecnologia che non tutti hanno, come dimostra l’esperienza di ogni giorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...