Crotta D’Adda, nuovo comitato in pressing sulla Provincia e il Comune

CROTTA D’ADDA CR Dopo le tensioni e i malumori dei giorni scorsi, che hanno condotto anche alle dimissioni del consigliere comunale Marco Rizzi, il sindaco Renato Gerevini e il neonato comitato locale hanno trovato un’intesa ieri sera in una dichiarazione congiunta dopo un incontro in Comune. La questione centrale è la richiesta della società Sovea di costruire su prato verde un compostaggio di rifiuti verdi, con produzione di cippato, accanto a una discarica d’inerti nelle prossimità della località Fornace, in un territorio già gravato da biogas e allevamenti suinicoli. L’iter autorizzativo è stato avviato da più di un anno, ma i cittadini, compresi alcuni consiglieri comunali, come Marco Ricci, nulla ne sapevano. Dopo la petizione e la raccolta di 473 firme, di cui un centinaio di Acquanegra, ora il neonato comitato “Tuteliamo il nostro ambiente e la nostra salute”, chiede un incontro urgente al presidente della Provincia Davide Viola, per i prossimi giorni, allo scopo di rinviare ogni decisione. Insieme al sindaco, infatti, il comitato chiede una proroga di almeno un mese all’ente Provincia, rispetto alla scadenza del 9 novembre, per avere più tempo per presentare le Osservazioni, rimandando anche la conferenza dei servizi. Interverrà la valutazione di tecnici indipendenti, uno dei quali scelto dal comitato. La mobilitazione dei cittadini di Crotta spinge inoltre l’amministrazione a compiere una ricognizione degli impatti ambientali già attivi sul territorio, come gli spandimenti di fanghi, oltre alla discarica di inerti, agli allevamenti e al biogas. Ci sarà filo diretto tra comitato e amministrazione, all’arrivo di ogni nuovo documento che riguardi le iniziative imprenditoriali che interessino l’ambiente. In programma anche il coinvolgimento dei Comuni di Grumello e di Acquanegra, per chiedere loro una valutazione condivisa sul compostaggio. La società Sovea non ha ancora presentato un progetto definitivo, ma la conferenza dei servizi, che avrà valore decisionale e autorizzativo, senza passare per la Valutazione d’impatto ambientale, è ormai imminente. Per questo si è affermata a Crotta d’Adda la volontà di esaminare i documenti e compiere monitoraggi.

Da parte propria Marco Rizzi, con le sue dimissioni, fa notare il ruolo marginale in cui si può trovare un consigliere comunale. A Crotta non esiste opposizione: il sindaco Renato Gerevini è sostenuto infatti dall’unica lista presentatasi alle ultime elezioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...