Al via il reddito di inclusione, si rafforzano i servizi sociali

 

CREMONA Vita nuova ai servizi sociali, grazie ai 14 nuovi contratti a tempo indeterminato che hanno ampliato notevolmente l’organico di Palazzo Ala Ponzone Cimino. Nel 2017 il concorso pubblico ha consentito l’assunzione di sette assistenti sociali, più altri due arrivati in mobilità da altri Comuni, e già operativi dall’autunno scorso. Si aggiungono poi cinque esperti di integrazione che si occupano di disabilità, inclusione e sistema socio sanitario. Di questi 5, due sono assistenti sociali. Dopo anni di polemiche contro la disorganizzazione, le mancate risposte e le lungaggini, è in corso una svolta, secondo gli auspici del Comune e dell’assessore Mauro Platé, soddisfatto per l’importante investimento sul personale che rende possibile reggere il carico di lavoro in aumento e che a suo dire permette già di offrire maggiore efficienza. Infatti il nuovo anno inizia sotto il segno del Rei, il reddito di inclusione dedicato dallo Stato ai cittadini in maggiore difficoltà economica, per il quale hanno chiesto informazioni allo sportello comunale 350 persone e sono stati svolti già un centinaio di colloqui. Dalle proiezioni fatte da Platé in base agli Isee pervenuti in Comune negli ultimi anni, i nuclei familiari che potrebbero ricevere il reddito Rei sono circa 450. Potranno ricevere, nei casi di maggiore fragilità, circa 400 euro, con requisiti assai selettivi. Non ci sarà assistenzialismo, anzi la strategia di valutazione dei singoli casi in carico ai servizi sociali è diventata più puntuale. L’integrazione tra i diversi progetti in corso sta aiutando i servizi a conoscere meglio il territorio e i casi inseriti nei diversi contesti, in modo da supportare chi ha veramente bisogno, evitando sprechi di risorse. Ogni contributo economico, non va dimenticato, è accompagnato da un progetto personalizzato. Si sono risolti inoltre i problemi del Sia, il Sostegno all’inclusione attiva, che a Cremona doveva raggiungere circa 60 utenti, ma è stato ritardato da una serie di disguidi dovuti a un problema verificatosi presso la sede Inps nazionale di Roma. I disservizi, dopo mesi di lamentele, sono stati risolti. Le tessere utili a riscuotere il reddito di inclusione saranno recapitate per posta a giorni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...