Il colore degli sfruttati

Il consiglio comunale di Pianengo ieri sera, su richiesta di Andrea Serena (Potere al Popolo), ha dedicato un minuto di silenzio alla vittima dell’odio Soumaila Sacko. Il sindaco Ernesto Roberto Barbaglio ha ritenuto che ci fossero motivazioni che vanno oltre i colori politici. Andrea Serena, che fa parte della lista civica di maggioranza Insieme per Pianengo, è così intervenuto.

Propongo un minuto di silenzio in memoria del sindacalista USB Soumaila Sacko
barbaramente ucciso nella piana di Gioia Tauro il 2.6.2018, un’uccisione che ha solo
un colore, quello unificante e indefinito del popolo degli sfruttati.
Questo sindacalista si batteva appunto contro lo sfruttamento dei braccianti agricoli,
pagati 3 euro l’ora, vivendo in baracche su cui lui stava provando a intervenire e
ripararle, portandovi una lamiera che meglio li riparasse dalle intemperie.
Questo sindacalista si ribellava in una terra dove lo sfruttamento dei braccianti, il
caporalato e l’assenza di diritti è sotto gli occhi di tutti, quei lavoratori sono li nei
terreni tutti i giorni sotto il sole e la notte nelle baraccopoli, pure l’aver fatto una
legge contro il caporalato non ha stroncato una evidente ingiustizia su cui a lucrare
sono grandi proprietari terrieri e la mafia, mentre lo stato che dovrebbe applicare la
legge e fare controlli è troppo assente e l’informazione spesso silente o parziale.
Questa purtroppo è una piaga antica e infatti la storia ci insegna come già dal 1944 al
1947 ci fu una cruenta stagione repressiva della mafia, sfociata nella famosa strage di
Portella della Ginestra del 1 Maggio 1947, contro politici di

soumala sacko

si
nistra, braccianti,
contadini e sindacalisti, uccisi perché si opponevano contro lo sfruttamento dei
lavoratori nelle campagne siciliane a vantaggio dei grandi latifondisti.
Queste morti e intimidazioni avvengono contro persone che hanno messo in
discussione questo sistema di sfruttamento dei lavoratori che accomuna alcuni
imprenditori, mafiosi e politici compiacenti, omertosi o distratti.
Con questo minuto dimostriamo di non essere dei politici compiacenti, omertosi e
distratti e di sostenere chi per quei diritti e contro lo sfruttamento, ha sacrificato tanto
della sua vita.
13.06.2018 Serena Andrea (Consigliere di “Insieme per Pianengo”)\

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...