Il dogma criticabile

Strumentalizzazione politico-teologica: il dogma dell’immacolata concezione non è altro. Maria doveva assolutamente essere nata senza peccato originale, secondo Pio IX (la bolla che sanciva il dogma è del 1864), perché altrimenti non avrebbe potuto accogliere Gesù Cristo, come se ammettere il contrario significasse fare concessioni a chi pensa che l’umano basta a se stesso per salvarsi. Dunque l’umano, per Pio IX e i suoi, dev’essere assolutamente puro, immacolato, per entrare in contatto con il divino. Storicamente il dibattito sulla natura di Maria, fra i teologi cristiani, è sempre stato variegato. Pio IX è riuscito però a farne un inaccettabile dogma, che è servito soprattutto a creare un modello impossibile cui le donne dovevano adeguarsi: la perfetta purezza. E’ davvero sbagliato, almeno per me. Va sottolineato un fatto. La natura umana è in parte buona, in parte cattiva. Resta esemplare la sentenza di Terenzio: Homo sum, humani nihil a me alienum puto (et animalis, avrebbe aggiunto Freud). L’uomo è capace di tutto: è inquietante. Il dogma di Pio IX mirava a dominare e controllare la tempestosa realtà dell’umano. Comprensibile tentativo, destinato però a fallire. Non saranno certo i dogmi a rendere forzosamente migliore ciò che è umano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...