Biogas senza alberi, diffida a Spinadesco

SPINADESCO CR Gli alberi lungo il perimetro dell’impianto a biogas non sono stati piantati, come invece prevedeva l’obbligo di mitigazione ambientale,  la nuova trincea di stoccaggio era priva della rete di raccolta dei percolati, cioè dei liquidi maleodoranti che vengono prodotti dalle centraline a biogas, e il colaticcio fuorusciva in un canaletto privato. Gli interventi di manutenzione non erano stati registrati, l’autorizzazione allo scarico in subirrigazione non era stata rinnovata e inoltre si propagavano odori sgradevoli. Questa è la situazione accertata dai tecnici Arpa Lombardia durante il sopralluogo compiuto il 21 maggio presso la Compagnia italiana biogas di Spinadesco, i cui impianti sorgono in via Milano mentre la sede legale si trova presso la Cascina Valli di Pizzighettone. Il decreto di diffida emesso dall’amministrazione provinciale, firmato dal dirigente del settore Ambiente e territorio Roberto Zanoni, pubblicato ieri a distanza di cinque mesi dal sopralluogo dell’agenzia regionale di protezione ambientale, dimostra una volta di più le difficoltà del settore delle agroenergie, in particolare del biogas, che ha cambiato notevolmente il territorio provinciale grazie a circa 140 autorizzazioni, un primato nazionale. Ora però l’ente provincia impone di mettere in pratica gli obblighi stabiliti dall’autorizzazione rilasciata nel 2010. Occorrerà dunque piantumare gli alberi necessari alla mitigazione ambientale, analizzare il quadro delle emissioni di odori e presentare, entro sei mesi, un cronoprogramma per limitarne la propagazione, realizzare le centraline di drenaggio e metterle in rete, registrare gli interventi di manutenzione e sottoporre l’impianto a un nuovo sopralluogo. 

I tempi per l’esecuzione degli obblighi imposti dai decreti di autorizzazione risultano ancora una volta troppo lunghi, come nota Maria Grazia Bonfante dell’associazione “Salviamo il paesaggio”: nel frattempo i biogas proseguono l’attività e nessuno risarcisce il territorio della trasformazione subita dall’agricoltura, visto che la produzione di energia elettrica è diventata una priorità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...